Programmatore a Londra. “La mia azienda mi fa sentire apprezzato. In Italia difficile arrivare a fine mese” – Il Fatto Quotidiano

“Da quando me ne sono andato dall’Italia sono stato insultato in ogni modo. Per aver tradito la patria, per aver ‘portato via’ le mie competenze. Mi sono sentito ripetere che, in fondo, avevo scelto la strada più semplice. Ma partire non è per niente facile”. Per Marco Giulio Camurri, programmatore informatico di 40 anni e […]

Sorgente: Programmatore a Londra. “La mia azienda mi fa sentire apprezzato. In Italia difficile arrivare a fine mese” – Il Fatto Quotidiano

Hits: 19

Precedente A14: due notti chiusa uscita Val Vibrata - Rete8 Successivo Come cucinare e servire il vitello tonnato: l'antipasto tipico della cucina anni Ottanta