Movimento 5 stelle – Giulianova

Ieri sera il Movimento 5 stelle-Giulianova ha partecipato all’assemblea pubblica organizzata dal Comitato dei genitori e alunni dell’Istituto Comprensivo-1; siamo rimasti piacevolmente sorpresi che le nostre politiche in fatto di edilizia scolastica collimano con il sentimento generale dei cittadini. Sempre più giuliesi vogliono per i loro figli scuole nuove ed innovative.
Da sempre in questi anni abbiamo proposto nelle sedi istituzionali la realizzazione di nuovi edifici scolastici eco-compatibili ed energicamente efficienti; il futuro va verso la bio-edilizia e verso manufatti sostenibili sia dal punto di vista tecnico-costruttivo che da quello ambientale.
I bambini giuliesi meritano il meglio, meritano scuole sicure ed antisismiche, meritano altresì di svolgere le loro attività didattiche in ambienti salubri e funzionali.

Appoggiamo in pieno la volontà dei genitori di realizzare il nuovo campus scolastico nell’area dell’Ex-Tribunale avvalendosi dello strumento del concorso di idee e progettazione che il Comune deve bandire il prima possibile. Siamo convinti e consapevoli che un concorso internazionale partecipato ci può garantire la ricerca della massima qualità architettonica e l’assoluta meritocrazia nella scelta dei progettisti, nonché un risparmio in termini economici per recepire decine di proposte progettuali da mostrare all’intera cittadinanza.
Orgogliosi delle nostre politiche che stanno sensibilizzando l’intera comunità locale siamo certi che insieme si può cambiare la vita dei piccoli studenti evitando interminabili ristrutturazioni di stabili vecchi e fatiscenti.
Insieme possiamo cambiare Giulianova.
#scuoleInnovative #Giulianova #nuovoCampus#scuoleSicure #scuoleBioedilizia #labuonaScuola#concorsoIdee
#M5sAbruzzo #elezioniregionali #mauroDicriscenzo#candidatoconsigliere #regioneabruzzo — aGiulianova.

Hits: 7

Precedente BASKET B, IL GIULIANOVA RICEVE BISCEGLIE E SOGNA DI SGAMBETTARE LA CAPOLISTA | ekuonews.it Successivo Elisoccorso Pescara: M5S " Paradosso abruzzese. Chi ha sbagliato deve pagare"