Ma mi faccia il piacere – Il Fatto Quotidiano

 

Libero e bello/1. “L’allarme di Berlusconi: ‘Sono tornati i comunisti’” (Libero, 5.9). “Berlusconi: al governo due partiti comunisti” (il Giornale, 10.9). Tenete a casa i bambini, se no ve li mangiano.

Libero e bello/2. “I comunisti non mangiano più bimbi. Si accontentano solo degli insetti” (Libero, 15.9). Come non detto, allarme rientrato.

Libero e bello/3. “L’involuzione della specie politica. Poveri noi, agli Esteri da De Gasperi a Di Maio” (Libero, 12.9). Invece vuoi mettere Berlusconi, Frattini e Alfano.

Libero e bello/4. “Il governo prepara una rapina. Se hai soldi in banca non saranno più tuoi” (Libero, 14.9). Vanno tutti sul conto di Conte.

La sanzione. “I giochi proibiti di Malagò. Lettera al Cio: ‘Punite l’Italia’. Due note segrete per fermare la riforma dello Sport. Suggerendo la possibile esclusione da Tokyo 2020 e la revoca di Milano-Cortina 2026” (Repubblica, 13.9). E sulle prime il Cio pensava proprio di punirci: poi ha ritenuto che, come punizione per lo sport italiano, basti e avanzi Malagò.

Merli culturali. “Franceschini vuol sposarsi ‘già alle regionali’ con i 5Stelle e dunque con Bonisoli che ai Beni culturali gli ha sfasciato la bella riforma, che ora Franceschini (non) può rifare” (Francesco Merlo, Repubblica, 13.9). Slurp.

In gran forma. “Noi vigileremo in difesa dei confini e del chinotto” (Matteo Salvini, segretario Lega Nord, Tg2 Post, 5.9). Più che il chinotto, mi sa che è il solito mojito.

In gran firma. “La mossa di Salvini: ‘Un referendum contro il proporzionale’” (Repubblica, 15.9). “Salvini, referendum anti-proporzionale: ‘Conte traditore’” (La Stampa, 15.9). Dev’essere un omonimo del Salvini che nel 2017 votò il ritorno al proporzionale col Rosatellum insieme a Pd e FI: altrimenti si darebbe del traditore da solo.

Legge Basaglia. “Di Conte tenete d’occhio l’ombra, non il resto. Il premier sta mostrando risvolti psicologici inquietanti” (Claudio Risè, La Verità, 8.9). Elettrochoc e camicia di forza.

Nanoparticelle. “Pronti i nuovi gruppi renziani. Il piano scissione agita il Pd” (Corriere della sera, 15.9). La famosa scissione dell’atomo.

Non solo rubli. “Soldi pubblici per Mr. Russiagate. Nei mesi caldi della trattativa a Mosca per finanziare il partito di Salvini, Savoini colleziona consulenze pagate dalla Regione Lombardia” (l’Espresso, 15.9). È rientrato nell’euro.

Toghe gialle. “Quando il figlio dell’elevato Grillo è stato accusato di stupro, Grillo ha fatto Di Maio ministro degli Esteri, cercando la copertura del Pd che controlla i giudici, come si è visto bene con il caso Palamara” (Vittorio Sgarbi, deputato FI, 9.9). Ma i giudici non erano diventati grillini?

Schifanismi. “Presidente Conte, lei cadrà qui, in Senato, come abbiamo fatto in modo che nel 2008 cadesse il governo di Romano Prodi” (Renato Schifani, senatore FI, 10.9). Comprando un po’ di senatori?

Medaglie di bronzo. “La Terza Italia, i democratici anti-trasformisti… Quelli che non si piegano all’agiografia di ‘Conte statista’. Quelli che avrebbero ritenuto necessario votare, sia pure senza farsi dettare i tempi da Salvini… Ignazio Marino eee. Una minoranza di persone, sia pure di rilievo, da Carlo De Benedetti a… Emma Bonino (ieri bravissima sul Pd ‘diversamente populista’), o nel Pd Matteo Richetti… È illuminante qui ascoltare Arturo Parisi, che fondò qualcosa di un po’ più serio del Conte 2, ossia l’Ulivo… Certo colpiscono le idee magistrali di Emanuele Macaluso” (Jacopo Iacoboni, La Stampa, 11.9). Se questa è la Terza Italia, attendiamo serenamente la Quarta.

I titoli della settimana/1. “Le due facce del killer. Il gigante buono e quell’amore non corrisposto” (il Giornale a proposito di Massimo Sebastiani, reo confesso di avere strangolato a morte la ventottenne Elisa Pomarelli, 8.9). Figurarsi se era un gigante cattivo.

I titoli della settimana/2. “Migranti, l’Europa non ci sente” (Repubblica, 12.9). “Italia, cade il muro. Svolta sui migranti. La Ue a Palazzo Chigi: non vi lasceremo più soli” (Repubblica, 15.9). Urge sincronizzare i titoli.

I titoli della settimana/3. “Un’armata di carabinieri e giudici invade la casa di Grillo in Sardegna” (La Verità, 13.9). Ripristinata per l’occasione la leva obbligatoria.

Sorgente: Ma mi faccia il piacere – Il Fatto Quotidiano

Hits: 65

Precedente Reddito di cittadinanza: Oltre 960mila domande accolte confermano tendenza positiva di misura storica - Parlamento 5 Stelle Press Room | Il portale dei parlamentari M5S Successivo Giornata diocesana per la Custodia del Creato: appuntamento a Castelli e Giulianova - Cityrumors