È tornato Capannelle – Il Fatto Quotidiano

E niente, volevo assegnare il premio “Oggi le comiche” della settimana, ma ho dovuto arrendermi per eccesso di pretendenti, tutti meritevoli. Ex aequo.

Francesco Merlo, sulla nuova Repubblica alla Sambuca, non sapendo più cosa inventarsi contro Conte, spiega che fascisti e odiatori insultano Silvia Romano per colpa del governo che l’ha “esibita sul red carpet degli squilibrati”. Giusto: dovevano carrucolarla direttamente sui tetti di casa sua, onde evitare fotografi e telecamere.

A proposito di Silvia: Toni Capuozzo, inviato di guerra Mediaset con la sindrome di Rambo in tempo di pace, già noto per le equilibrate posizioni sul Covid, si associa su La Verità al frullo del Merlo e dice che “al governo hanno agito da cazzari e fatto pubblicità ai terroristi”, oltre ad aver “pagato il riscatto”. Sono opinioni rispettabili, o meglio lo sarebbero se il Capuozzo le avesse mai esternate quando a pagare i riscatti e a far pubblicità ai terroristi erano Berlusconi e Gianni Letta. Cioè quei cazzari che gli pagano lo stipendio. Ma non risulta.

A proposito di Mediaset: Elisabetta Casellati Alberti Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare, interpellata sui vergognosi delirii alla Camera del siculoleghista Alessandro Pagano su Silvia “neo-terrorista”, risponde che “la stigmatizzazione di questo intervento esula dalle mie competenze”, essendo lei (inopinatamente) presidente del Senato. È fatta così: ha l’indignazione selettiva, retrattile e perimetrale. Al metro quadro.

Il Giornale, sul governo che stanzia 55 miliardi (oltre ai 25 dell’altro decreto: cifre mai viste tutte insieme) per le vittime dell’emergenza Covid, titola “Le mancette di Conte”. Urge colletta per Sallusti.

A proposito di mancette e anche di red carpet: la Regione Lombardia ha buttato dalla finestra una cinquantina di milioni di donazioni private (inclusi i 3 raccolti dagli incolpevoli lettori di Libero e Giornale) per il famoso ospedale alla Fiera di Milano, orgoglio e vanto della Nazione e di Bertolesso, che ora ospita 4 malati dopo aver raggiunto la vetta di 12 e ora – parola del capo delle Terapie intensive della Regione stessa – verrà presto chiuso per manifesta inutilità. Alla fine della Fiera.

A proposito di Lombardia: leggiamo su Libero che “Le Regioni sono stufe di aspettare” il governo. Povere stelle. E in prima fila c’è “la Lombardia in pressing sul governo”, cioè la Regione che – in tandem col gemello Piemonte – non ne ha azzeccata una, infatti continua a moltiplicare i morti e i contagi e a costringere tutte le altre a restare ferme. Stufe di aspettare.

A proposito di Vien dal Mare. Per imperscrutabili motivi, Pd e M5S vogliono promuovere direttori di Rai3 e Tg3 due sugheroni quattro-stagioni: Franco Di Mare, che faceva le marchette ai pannolini alle convention della Pampers con la scenografia del Tg1; e Moiro Orfeo, il cui curriculum spazia fra De Benedetti, Caltagirone e la Rai, in quota ora B., ora Monti, ora Renzi, plurimedagliato per aver cacciato la Berlinguer dal Tg3 e la Gabanelli e Giletti dalla Rai, ultimamente segnalato dalle parti del Pd ma anche del M5S. Due tipini di bosco e di riviera. Anzi, Di Mare.

A proposito di sugheroni galleggianti: l’emerito Sabino Cassese è tornato a colpire sul Corriere con uno dei suoi celebri editoriali senza capo né coda. Nel senso che si capisce sempre che ce l’ha con Conte, ma mai perché. Stavolta gli fa schifo il dl Rilancio: “Le ombre sui tempi (e sui modi)”. La data del 13 maggio non va bene, forse per via dell’anniversario della Madonna di Fatima. Peggio ancora i modi di Conte che, direbbe Totò, sono interurbani. Eppoi ’sto decreto ha un “intento risarcitorio” (orrore) e “il mezzo consiste nelle elargizioni” (paura). Lo fanno in tutto il mondo, i tipi studiati lo chiamano helicopter money, ma lui ci è rimasto male. E poi “lo strumento prescelto è il decreto legge, atto al quale si dovrebbe ricorrere ‘in casi straordinari di necessità e urgenza’. Il governo non ha tenuto conto dell’urgenza” perché il dl doveva arrivare a fine aprile e invece siamo a maggio: ergo – seguite la logica – tanto valeva arrivare a dicembre con un bel disegno di legge. Del resto 35 mila morti e qualche milione di contagiati non saranno mica motivi di necessità e urgenza: “Le opposizioni hanno ragione a lamentare che lo Stato di diritto è violato e il Parlamento non è messo nelle condizioni di vagliare questa massa di atti”. Infatti Conte ha lucchettato gli ingressi di Montecitorio e Palazzo Madama. Anche per l’impressionante somiglianza fisica, Scassese ricorda sempre più Capannelle, il malmostoso vecchietto de I soliti ignoti che ha sempre qualcosa da imprecare, ma non sa nemmeno lui il perché (“Che hai da guardare, mi sono vestito spurtivo!”, “Ma quale spurtivo, tu sei vestito da ladro!”. “Ma guarda un po’ dove son capitato: fra i lavoratori!”. “Ehi, dove vai, vedi che quelli ti fanno lavorare davvero!”). Poi però, a fine articolo, i motivi di tanto rosichìo vengono a galla: Incassese butta lì “la storica inadeguatezza degli uffici di staff dei ministri”. Che sono da sempre infestati da allievi suoi, ma ultimamente un po’ meno. Tutti i Capannelle del mondo sempre lì finiscono: nella pignatta della pasta e ceci.

Sorgente: È tornato Capannelle – Il Fatto Quotidiano

Hits: 22